La morte del giglio

La morte del giglio
Eppure non conosco la tua voce. Come posso raccogliere quando è inverno dei fiori da portarti in omaggio. Del pesco s’accendono i colori tra i ritmi gitani della pioggia di Maggio, e dei tuoi occhi castani, lo sguardo moresco, porterò il ricordo di un giorno lontano, guarda, dicevi, andiamo là... Continua »
maggio 20, 2017
Para-noia

Para-noia

Il cielo scuro e denso sopra Stühlinger incombe come abbraccio a mano tesa e le braccia, le dita del cosmo cingono di rosso sangue la mia carne tremante e giovane di ricordi e nostalgie, e... Continua »
Alba

Alba

Le fasi atipiche della mia vita smuovono e ritirano forze che non m’ appartengono. Ogni volta che tengo stretti i miei pugni ritrovo il silenzio di quando son nato ritrovo il cuore crepato e trafitto... Continua »
Non ho Padre

Non ho Padre

Non ho Padre, perché ho peccato e non sono in grado di cambiare. Non ho Padre, perché con una mano accarezza i visi e con l’altra frusta le schiene. Non ho Padre, perché ciò a... Continua »
La divina commedia Pt. 6

La divina commedia Pt. 6

6. Gli appelli di Dante al lettore   Erich Auerbach in Studi su Dante (Feltrinelli, 2008) elenca diciotto passi in cui Dante nella Commedia si rivolge direttamente al lettore, per chiedergli espressamente di partecipare alle... Continua »
La divina commedia Pt. 5

La divina commedia Pt. 5

5. Dante politico Oggi Dante sarebbe smarrito di fronte alle incessanti contraddizioni di ogni tipo della società del terzo millennio, a ragion veduta. La sua visione universalistica non cambierebbe, i suoi principi morali e religiosi... Continua »